domenica 27 maggio 2018

Blogtour | "Jack Bennet e la chiave di tutte le cose" di Fiore Manni (6° tappa)

Buon pomeriggio lettori e buona domenica, come la state trascorrendo? Io sono super impegnata con la preparazione degli esami universitari, ma cerco comunque di mantenere attivo il blog e le letture in corso, tant'è che presto avrete nuove recensioni e segnalazioni libresche! 
Oggi, invece, torno per parlarvi di una delle ultime uscite firmate Rizzoli, Jack Bennet e la chiave di tutte le cose di Fiore Manni, di cui vi parlo tra pochissimo. In più, qui sul blog potrete scoprire la sesta tappa del blogtour dedicata ai libri più belli ambientati a Londra, curiosi?

Jack Bennet e la chiave di tutte le cose | Fiore Manni
350 pag. | Rizzoli
22 maggio 2018 | Link d'acquisto
8.99 € (ebook) | 16 € (cartaceo)

Jack Bennet è un bambino di dieci anni come tanti altri, forse solo un pochino più basso e più magro della media. Ogni mattina si alza, si avvolge intorno al collo la lunga sciarpa a righe azzurre che gli ha lasciato suo padre ed esce per le fumose vie di Londra. Come molti ragazzi del suo tempo lavora in fabbrica, perché la mamma è malata, e in famiglia non c'è nessun altro che possa provvedere a loro. Una mattina, sulla strada del lavoro, Jack incontra un curioso personaggio che pare sbucato dal nulla; un uomo del tutto fuori luogo, con il suo elegante completo viola nel bel mezzo della grigia città. Jack lo osserva incuriosito e lo saluta educato, poi lo ascolta con attenzione. E fa bene, perché la più grande delle avventure può cominciare in un giorno qualunque. L'uomo gli consegna una chiave, e con quella Jack inizia a viaggiare per mondi sconosciuti e bislacchi, dove incontra pappagalli tipografi, libri magici per tutte le occasioni, navi pirata, una ragazzina spavalda ma non troppo, un drago che sputa vapore e colleziona tesori. E molto, molto altro.

L'autrice. Fiore Manni vive a Roma con la sua famiglia e tre gatti. Ha studiato fashion design e da diversi anni conduce il fortunato programma per ragazzi “Camilla Store”. Vorace lettrice fin da bambina, nel tempo libero spazia dalla sartoria all’illustrazione. Jack Bennet e la Chiave di Tutte le Cose è il suo primo romanzo per ragazzi.

6° TAPPA 
I più bei libri ambientati a Londra

Ci sono tantissimi romanzi, libri, storie ambientate a Londra. Io ne ho selezionati alcuni per voi., anche se la lista sarebbe molto molto più lunga! Scopriteli di seguito...

Di certo non può mancare Oliver Twist di Charles Dickens, autore ottocentesco di diversi libri ambientati a Londra. Impossibile non conoscere la storia di Oliver, bambino di età compresa tra i 9 e i 12 anni, orfano e povero, che inizialmente vive in un ospizio fino all’età di nove anni ma quando poi ne esce ha una vita difficile, fatta di incontri con persone poco raccomandabili e imbroglione, che approfittano di lui, della sua ingenuità e fragilità. 
Una storia che ho adorato, proprio per i temi e i valori che tratta, come l'onestà e la sincerità che vincono sempre su tutto, anche nonostante le avversità della vita.

Un romanzo che non può essere dimenticato è senza ombra di dubbio Il ritratto di Dorian Gray di Oscar Wilde, scrittore che io adoro e libro che fa parte della mia personale lista di libri preferiti. Wilde descrive una Londra Vittoriana di fine ‘800, dalla mentalità particolarmente borghese, descritta in modo inquietante, ma allo stesso tempo affascinante e irresistibile. Il romanzo tratta i temi dell'estetica e della bellezza, che si ritrovano nel personaggio di Dorian e nelle sue varie vicende. Il ritratto di Dorian Gray è stato uno degli argomenti della mia tesina di maturità e non potevo non parlarvene, anche se di certo l'età di lettura e la storia narrata si discostano un po' da quelli di Fiore Manni.

Un altro libro ambientato a Londra, seppure una Londra immaginaria e non troppo lontana da quella odierna, è 1984 di George Orwell. Orwell parla di totalitarismo descrivendo tre super stati, comandati da un unico "Grande Fratello" che sorveglia costantemente la Londra descritta dall'autore. Il romanzo, nonostante i temi trattati, fa parte del genere distopico.

Parlando invece di libri più divertenti, tranquilli e meno impegnativi spicca Il diario di Bridget Jones di Helen Fielding, un libro scritto sottoforma di diario dove si narrano le vivaci e strambe vicende di Bridget Jones, che vive e lavora a Londra. Romanzo sicuramente molto famoso anche grazie al film del 2001.

Infine, un altro romanzo che si avvicina a quello precedente e dello stesso genere - chick lit - è I love shopping di Sophie Kinsella, scrittrice molto apprezzata e amata e di cui ho letto qualche libro, tra cui questo. La protagonista, Becky, è una ragazza inglese che lavora per una modesta rivista nella quale cura la rubrica dedicata a consigli su spese e risparmi sicuri. La ragazza adora fare shopping e questo la porta a diverse "disavventure" economiche e sentimentali. Un romanzo molto divertente, che si legge in poco tempo e che riesce a far trascorrere qualche ora piacevole a chi legge. Di certo un buon libro ambientato nella città più importante della Gran Bretagna!


TAPPE DEL BLOGTOUR
Non perderti l'ultima tappa di domani e scopri quelle precedenti! 

Nessun commento:

Posta un commento