venerdì 18 maggio 2018

Recensione | "In love" di Eliana di Nunzio

Ciao lettori, come state? Oggi torno sul blog con un nuovo post per parlarvi di In love di Eliana di Nunzio. Di seguito vi lascio la scheda informativa e la mia opinione, fatemi sapere cosa ne pensate.

In love | Eliana di Nunzio
258 pag. | De Agostini
25 maggio 2017
6.99€ (ebook) | 15.90€ (cartaceo)

*** L’unica fanfiction autorizzata da ALBERICO DE GIGLIO ***
Quante volte il vero amore può bussare alla porta? Una sola, Beatrice ne è convinta. E lei la sua occasione l’ha già avuta. Sette, indimenticabili mesi insieme a Francesco, il suo primo e unico ragazzo. Che l’ha tradita e le ha strappato il cuore in mille pezzi. Bea sa che c’è solo un modo per riprendersi da una delusione d’amore: rifugiarsi tra le braccia degli amici e perdersi nei propri sogni. E il suo sogno più grande si chiama Alberico De Giglio. Proprio lui, l’inarrivabile star di YouTube. L’unico in grado di regalarle sempre un sorriso e farla sentire speciale. Finché un giorno succede una cosa incredibile: Bea scrive un tweet divertente, Alberico la nota e le risponde. In un attimo il sogno diventa realtà. Lui è davvero perfetto: è gentile, simpatico, dolcissimo… Bea adora quel ciuffo ribelle e i suoi occhi per lei sono come magneti. Così i due iniziano a scriversi, sempre più spesso. Confidenze, risate, messaggi scambiati a tarda notte, e l’amicizia pian piano diventa qualcosa di più. Forse, allora, l’amore non bussa alla porta una sola volta. Bea vorrebbe crederci, ma in fondo lei e Alberico appartengono a due mondi troppo diversi. Tutto sembra contro di loro. Specialmente da quando Francesco è tornato ed è disposto a tutto pur di riavere Bea…
Una storia d’amore straordinariamente romantica e universale che è già un fenomeno editoriale su Wattpad, dove ha conquistato centinaia di migliaia di lettori in pochissimi mesi.

RECENSIONE
Conosco Alberico De Giglio per i suoi video su Youtube, ne ho visti alcuni anche se non me ne sono mai “innamorata”. E’ un bravo ragazzo, sicuramente, e non fa nulla di male, ma non fa per me (nonostante gli abbia regalato il mio follow nei social). Sicuramente c’è da dire che lo ammiro, a diciannove anni ha fatto tanto e se è diventato famoso in tutta Italia un motivo ci sarà.
Quando ho iniziato a leggere il romanzo di Eliana di Nunzio ero abbastanza diffidente: un romanzo (anzi, una fan fiction) edito da De Agostini scoperto su Wattpad mi faceva pensare che avrei trovato una storia editata dalla casa editrice ma senza nè capo nè coda.
Il pregiudizio c’era, non lo posso assolutamente negare. Però dopo averlo iniziato, e aver abbandonato lo status iniziale con cui lo avevo cominciato, mi sono lasciata trasportare dalle parole di Eliana e dalla storia di Beatrice e Alberico.
I primi capitoli, nonostante lo stile fluido e semplice dell’autrice, scorrono con poca simpatia: eventi un po’ inverosimili, a mio parere, soprattutto il fatto che Alberico si metta a seguire a caso le sue fan e a scrivere messaggi privati. Per carità, magari nella realtà lo fa e io non lo so, però questo fatto avviene in troppe poche pagine per poter essere considerato veritiero. Al di là di ciò, comunque, pian piano la storia ha cominciato ad ingranare meglio. Eliana di Nunzio ha concatenato fatti e avvenimenti più o meno fattibili e la narrazione scorre senza troppi fronzoli, abbastanza logicamente.
Le scene un po’ inverosimili – durante il libro – ci sono, ma d’altro canto è un romanzo che nasce come fan fiction e non potrebbe – probabilmente – essere altrimenti.
Pensare che Eliana di Nunzio abbia scritto questo libro a quindici/sedici anni e vedendoselo pubblicare da una grossa e nota casa editrice non posso negarvi che mi abbia un po’ fatta riflettere: io amo scrivere, ma chissà se riuscirò mai ad arrivare ad un tale traguardo? Ma questo poco centra con “In love” quindi passo oltre.
I personaggi sono abbastanza ben rappresentati. Il fatto poi che il romanzo sia scritto in prima persona, tra il punto di vista di Beatrice e, a volte, di quello di Alberico, fa sì che ci si possa quantomeno immedesimare nella vicenda narrata.
Una cosa che si percepisce dalla prima all’ultima pagina è quanto Bea adori Alberico: credo che il personaggio non sia altro che la rappresentazione dell’autrice stessa che, attraverso Beatrice, abbia descritto il proprio “amore” per De Giglio. Questo “amore” aleggia proprio in tutto il libro… a volte anche fin troppo, rendendolo un po’ soffocante.
Ho avuto non pochi pregiudizi sul libro, come vi dicevo, ma avendolo letto ed essendo arrivata alla fine di esso posso dire di avere – un po’ – cambiato idea. Non so se effettivamente merita il successo e la fortuna che ha avuto, anche perchè obiettivamente ci sono tanti romanzi migliori nel web, ma un paio di note positive ce l’ha: la storia d’amore (chi mi conosce sa che l’amore è uno dei temi che adoro di più) e lo stile dell’autrice, abbastanza piacevole e scorrevole. Sulla trama, magari, ci si poteva lavorare di più, soprattutto per alcune scene e situazioni (come, ad esempio, una delle scene finali – non posso spoilerare troppo – in cui ho storto un po’ il naso leggendola) però, tutto sommato, il romanzo non è troppo scandaloso nè si parla solo di sesso o cose simili (anzi, è citato ben poco!). L’autrice, che come si legge nella sua biografia “ama le storie d’amore”, ha descritto piacevolmente l’amore tra Bea e Alberico e tutto sommato la loro love story non mi è dispiaciuta.
“In love” è un romanzo che sicuramente fa sognare chi ama Alberico De Giglio, lascia loro la speranza che un giorno – come si legge sul retro della cover – “la star dei tuoi sogni si accorga di te” e sicuramente regala qualche ora di spensieratezza. Quindi, in conclusione, nonostante la mia iniziale titubanza riguardante il romanzo, non mi sento di sconsigliarne la lettura. Ha sicuramente i suoi difetti, legati ad alcuni tratti della trama e alla giovane età dell’autrice, ma penso anche – comunque – ci sia di peggio in giro (e anche di meglio, ovvio!) e le critiche che ha ricevuto sono un po’ troppo avventate. Come dicevo sopra, personalmente, nonostante possa avere qualche pregiudizio o titubanza iniziale, preferisco giudicare bene (o male) un libro dopo averlo letto e non solo a priori.

Valutazione: ☆☆☆

Nessun commento:

Posta un commento